Perché il viso è asimmetrico?

Avere un viso asimmetrico è un qualcosa di molto comune, ogni persona presenta delle leggere differenze tra il lato destro e quello sinistro della faccia, spesso sono impercettibili, eppure ci sono, in questo articolo cercheremo di rispondere al perché si può avere un viso asimmetrico.

Il viso può avere asimmetrie statiche, a causa del mancato movimento dei muscoli facciali, o dinamiche, per via della contrazione di alcune parti del volto, che avvengono in modo diverso tra di loro.

perche-volto-asimmetricoLe asimmetrie del volto possono anche essere causate da altri fattori come paralisi, interventi chirurgici, traumi, in questi casi è possibile intervenire grazie alle mani esperte di un professionista.

Le asimmetrie comuni

Ci sono delle asimmetrie che sono molto comuni e riguardano delle parti del viso specifiche, in particolare:

  • Occhi: molte persone hanno la forma delle sopracciglia diverse, così come diversa è la posizione nei due lati, si nota molto, quando si parla, perché un sopracciglio è più alto rispetto all’altro.
  • Bocca: uno degli angoli è più alto dell’altro, in questo caso si può avere l’effetto innaturale.
  • Sorriso: in caso di asimmetria del sorriso, i denti e le gengive vengono esposte in modo piuttosto evidente.

È chiaro, quindi, che le asimmetrie del viso possono essere quasi impercettibili o molto evidenti, possono essere congenite, oppure, essersi verificate in seguito a dei traumi, incidenti o malattie.

Nei casi più semplici, quindi, in presenza di asimmetrie del viso lievi, è possibile giocare con alcuni dettagli, come nel caso dei capelli, il ciuffo viene in aiuto, ricordando che va sempre dalla parte opposta all’asimmetria.

Quando è consigliato l’intervento chirurgico per correggere l’asimmetria del viso?

L’intervento chirurgico è consigliato in caso di asimmetria del viso grave, le asimmetrie facciali si correggono con il riposizionamento delle ossa che avvengono con incisioni interne, una tecnica che viene eseguita da un chirurgo maxillofacciale.

Nel caso della chirurgia degli zigomi per correggere un’asimmetria grave, si procede all’inserimento di materiale autologo o protesi, solitamente vi ricorrono quei paziente con una proiezioni zigomatica anormale.

Un intervento di questo tipo si può ritenere definitivo in quasi tutti i casi e spesso viene associato ad altri tipi di operazioni, come quella di blefaroplastica.

Il chirurgo maxillofacciale, quindi, interviene quando è necessario correggere alcune problematiche serie come una malocclusione, danni causati da traumi e correzioni di asimmetrie macroscopiche del viso, in combinazione con altre operazioni di chirurgia plastica estetica e ricostruttiva.

Ci si avvale di strumenti tecnologicamente avanzati, i risultati sono sempre ottimi e raramente lasciano delle cicatrici o segni, inoltre, il paziente è libero di lasciare l’ospedale dopo 24 ore dall’intervento e recupera la libertà di movimento nel giro di poche settimane.

L’intervento chirurgico per correggere l’asimmetria del viso è pericoloso?

I rischi di un intervento del genere sono gli stessi di qualsiasi altro intervento, per questo motivo, in molti casi si ricorrere all’anestesia generale, in linea di massima, non ci sono particolari pericoli, la cosa importante è affidarsi sempre a personale qualificato e con una certa esperienza.

Nel peggiore dei casi si può recidere il nervo mandibolare, ma in caso di questa remota eventualità, si può intervenire per ridare al paziente il pieno recupero della sensibilità nel giro di poche settimane.

foto@Wikipedia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *