Panic Room ecco di cosa si tratta

Per un lungo periodo, quando si temeva addirittura lo scoppio di una guerra nucleare o persino l’invasione degli alieni, in tanti nelle proprie case si facevano costruire un rifugio antiatomico, dove nascondersi in caso di attacco.

E tanti, nelle zone soggette a fenomeni atmosferici estremi come tornado o uragano, costruiscono sotto le proprie abitazioni, dei rifugi dove ripararsi con tutta la famiglia, per sfuggire alla furia del vento e della piaggia.

Ma oggigiorno molte case sono dotate anche di una Panic Room: di cosa si tratta?

La panic room, come suggerisce il suo stesso nome, è una stanza in cui ritirarsi in caso di gravi pericoli, nel momento in cui il panico ha il sopravvento e si vuole cercare un riparo.

Ma, allo stesso tempo, è anche il luogo in cui conservare i propri averi più preziosi, dato che è caratterizzata dall’essere dotata di porte blindate pensate specificamente per gli interni.

Queste stanze naturalmente devono essere ben rifornite, per permettere a tutti i familiari una sopravvivenza per un tempo non definito, quindi non deve mai mancare acqua, cibo, servizi igienici, energia oltre agli opportuni sistemi di sicurezza passiva e attiva.

Inoltre, queste stanza contengono solitamente dispositivi di comunicazione, in modo da poter contattare le autorità in caso di bisogno o pericolo.

Di Redazione

Redazione di llow.it portale informativo ricco di guide e consigli pratici per cercare di risolvere ogni tipo di problema, ma anche per piccole curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *