Mitra un Dio arma ed un copricapo religioso

La nostra lingua italiana è tanto bella quanto complessa: sono innumerevoli le parole che hanno più di un significato, e non solo quelle che ci insegnano a scuola per farci comprendere, fin dall’inizio, che passeremo la vita a sentire lemmi che magari non avevamo mai ascoltato prima.

Volete un esempio?

Se pronunciamo la parola “mitra”, a seconda del contesto in cui lo facciamo, potremo comunicare cose diametralmente opposte tra loro.

Mitra è infatti è una divinità dell’induismo e della religione persiana ed anche un dio ellenistico e romano, che fu adorato nelle religioni misteriche dal I secolo a.C. al V secolo d.C. 

Rimanendo sempre in ambito religioso, la mitra è anche un paramento liturgico, il copricapo usato dai vescovi di molte confessioni cristiane durante le celebrazioni liturgiche. Alto e rigido, è formato da due pentagoni irregolari piatti, con i lati superiori ricurvi e terminanti a punta. 

Ma, cambiando completamente campo semantico, il mitra è un’arma da fuoco automatica individuale portatile, camerata per cartucce da pistola.

Si tratta di un’arma automatica che consente a chi la imbraccia di sparare una sequenza di proiettili in rapidissima successione, mantenendo una semplice pressione del dito sul grilletto e di interromperne il fuoco sollevando il dito stesso.

foto@Wikimedia

Di Redazione

Redazione di llow.it portale informativo ricco di guide e consigli pratici per cercare di risolvere ogni tipo di problema, ma anche per piccole curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *