Come si fa a diventare giornalisti

Sono tanti coloro che, “da grandi”, sognano di fare i giornalisti, di raccontare storie, di essere in prima linea durante gli avvenimenti destinati anche a cambiare la storia.

Per diventare giornalisti professionisti occorre tanta caparbietà, altrettanta curiosità e una preparazione eccellente di cultura generale, ma qual è il percorso di studi da intraprendere?

Cominciamo subito col dire che esistono corsi universitari appositi e master ad hoc, ma in realtà qualsiasi sia il proprio percorso di studi, per diventare giornalisti è necessario collaborare con una testata giornalistica per un determinato periodo di tempo.

In particolare, è necessario svolgere 18 mesi di praticantato presso una redazione giornalistica. E, inoltre, frequentare anche “a distanza” uno dei percorsi di preparazione, della durata minima di 45 ore, promossi dal Consiglio Nazionale o dai Consigli Regionali dell’OdG.

In alternativa, bisogna frequentare per un biennio una delle scuole di giornalismo riconosciute dal Consiglio nazionale dell’OdG.

Terminato il praticantato, bisogna quindi iscriversi all’albo dei giornalisti pubblicisti o professionisti.

Mentre il primo prevede come sbarramento solo un determinato numero di articoli pubblicati, l’iscrizione all’albo dei giornalisti professionisti prevede il superamento di un esame scritto.

Alla tipologia dei professionisti appartengono coloro che svolgono in maniera esclusiva e continuativa la professione giornalistica.

Di Redazione

Redazione di llow.it portale informativo ricco di guide e consigli pratici per cercare di risolvere ogni tipo di problema, ma anche per piccole curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *