Intelligenza artificiale conosce il prossimo coronavirus

Gli esperti hanno condotto uno studio e stabilito da dove potrebbe provenire il nuovo coronavirus. Per fare questo, hanno usato l’intelligenza artificiale. Come si è scoperto, oggi ci sono molti più potenziali portatori di vari ceppi di coronavirus di quanto gli esperti pensassero in precedenza.

Markus Blagrove, dell’Università di Liverpool, ha aggiunto che vogliono sapere da dove potrebbe provenire la nuova minaccia. Ciò consentirà loro di prepararsi in anticipo.

Una delle opzioni per l’emergere di un nuovo ceppo di coronavirus è la ricombinazione di due virus che sono già stati scoperti dagli scienziati. Ciò può accadere se la stessa cellula viene infettata da due virus contemporaneamente.

Di conseguenza, i virus si ricombinano in un nuovo ceppo, che può portare alle conseguenze più inaspettate.

Gli esperti hanno insegnato al computer a riconoscere i virus e quale degli animali li può trasportare. I mammiferi sono stati analizzati per primi, perché considerati i più suscettibili a diversi ceppi di coronavirus .

I risultati hanno mostrato che esisteva un collegamento tra 411 ceppi del virus e 876 specie di mammiferi.

Ciò indica che in realtà ci sono molti più potenziali ospiti per i nuovi ceppi di coronavirus di quanto gli esperti pensassero in precedenza.

Di Redazione

Redazione di llow.it portale informativo ricco di guide e consigli pratici per cercare di risolvere ogni tipo di problema, ma anche per piccole curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *