Da un buco nero la conferma della teoria di Einstein

Per la prima volta nella storia, gli scienziati sono stati in grado di individuare la luce dietro un buco nero, anche se è noto che i buchi neri inghiottono tutto a causa della loro immensa gravità.

Nonostante approfondite ricerche su questi oggetti, i buchi neri sono ancora un mistero per gli scienziati, ma è noto che la loro immensa gravità rende difficile la fuga di “qualsiasi cosa, anche la luce“, almeno secondo quanto si sa su di loro finora. La prima immagine di un buco nero è stata pubblicata solo due anni fa.

Ma gli astrofisici della Stanford University negli Stati Uniti hanno recentemente fatto una scoperta senza precedenti sui buchi neri , poiché hanno rilevato emissioni di luce dietro un buco nero gigante, che dimostra la teoria della “relatività generale” di Einstein che ha sviluppato più di cento anni fa, che aveva non è stato dimostrato Fino ad ora!

Nelle loro osservazioni, pubblicate sulla rivista scientifica “Nature“, gli scienziati hanno affermato che i telescopi spaziali “Nustar” e “XMM Neononian” hanno rilevato “emissioni di raggi X” dietro il buco nero situato al centro di una galassia, 800 milioni di anni luce di distanza.

La luce che entra in questo buco nero non esce, quindi non dovremmo essere in grado di vedere nulla dietro di essa“, ha detto l’astrofisico della Stanford University, Dan Wilkins, che ha guidato il team scientifico che ha fatto questa nuova scoperta.

Confermata la teoria di Einstein

Durante la ricerca, gli scienziati hanno notato una serie di bagliori di raggi X luminosi, quindi i due telescopi hanno registrato qualcosa di inaspettato: ulteriori lampi di raggi X più piccoli e con “colori” diversi rispetto ai bagliori luminosi. Pertanto, hanno concluso che la luce doveva provenire dal retro del buco nero. Gli scienziati hanno concluso che il buco nero supermassiccio ha costretto i fotoni di luce a piegarsi attorno ad esso.

La scoperta è un “evento speciale” per l’astronomo e coautore dell’articolo, Roger Blandford, che ha dichiarato: “Cinquant’anni fa, quando gli astrofisici iniziarono a speculare su come si sarebbe comportato il campo magnetico vicino ai buchi neri, non avevano idea che un giorno potremmo avere delle tecniche per osservare direttamente questo e vedere in azione la teoria della relatività generale di Einstein“.

La teoria della relatività generale di Einstein, che sviluppò nel 1915, aveva previsto che la luce potesse essere vista dietro i buchi neri a causa della “distorsione dello spaziotempo che li circonda”, come riportava la rivista scientifica tedesca “Spectrum”.

E “spazio-tempo” è una combinazione dei concetti di tempo e spazio, che è lo spazio con le sue quattro dimensioni, le tre dimensioni della spazialità che conosciamo, cioè lunghezza, larghezza e altezza, oltre al tempo come quarta dimension

Di Redazione

Redazione di llow.it portale informativo ricco di guide e consigli pratici per cercare di risolvere ogni tipo di problema, ma anche per piccole curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *