Elon Musk va su Marte e la Russia su Giove

Nel 2016, durante il Congresso Nazionale dell’Aeronautica, l’imprenditore Elon Musk ha svelato diverse sfaccettature della sua strategia per colonizzare Marte. Se Musk vuole andare su Marte, la Russia vuole fare di meglio. Non siamo più in un periodo di Guerra Fredda, eppure sembra che la corsa all’esplorazione dello spazio continui.

La Russia prevede di inviare un modulo il cui motore elettrico sarebbe alimentato da un mini reattore nucleare verso il grande gigante gassoso del sistema solare, Giove, nel 2030. La dichiarazione è stata fatta da Roscosmos, l’agenzia spaziale federale russa, che ha fornito tutti i dettagli, la scorsa settimana, del piano per questo viaggio titanico.

Un progetto così ampio è sorprendente, dal momento che la Russia ha appena annunciato di voler andare oltre Marte nella sua ricerca di esplorazione dello spazio. Ricordiamo che la distanza Terra-Marte è di circa 78 milioni di chilometri , mentre la distanza minima tra la Terra e Giove è di 591 milioni di chilometri.

La Russia ha deciso di andare su Giove

Secondo il piano di viaggio che è stato rivelato, il viaggio di 50 mesi avrà alcune fermate, anche sulla Luna e su Venere Il modulo spaziale a propulsione nucleare sarà quindi più simile a un “rimorchiatore spaziale“, dotato di un modulo di trasporto e di energia nucleare, chiamato Zeus .

Si dirigerà prima verso la Luna, per depositare lì una prima navicella spaziale, poi verso Venere, per eseguire un’operazione di assistenza gravitazionale (necessaria per posizionare un’altra navicella). Infine, Zeus assumerà la guida di Giove. Il progetto Zeus è un reattore nucleare che utilizzerà reazioni di fissione nucleare per alimentare la propulsione. Secondo i media russi si tratterebbe di un “progetto segreto in fase di sviluppo dal 2010”, che comporterebbe un reattore nucleare di 500 kilowatt, e del peso di circa 22 tonnellate .

Se la Russia ha optato per un veicolo spaziale a propulsione nucleare, è probabile per diversi motivi. In primo luogo, durante la Guerra Fredda, la Russia ha lanciato nello spazio diversi reattori nucleari (in particolare tra il 1967 e il 1988), e quindi ha diversi test al suo attivo. Inoltre, il viaggio spaziale a propulsione nucleare presenta molti vantaggi rispetto ai viaggi a energia solare, poiché è relativamente economico, affidabile e può generare un’enorme quantità di energia.

La maggior parte dei veicoli spaziali, tuttavia, utilizza pannelli solari , che convertono l’energia del sole in elettricità. Tuttavia, più un’astronave entra in profondità nel sistema solare, meno energia solare è disponibile. Per arrivare a Giove, creare un dispositivo che funziona solo con l’energia solare sarebbe stato probabilmente molto più complicato che creare un dispositivo a propulsione nucleare. Inoltre, la propulsione nucleare permetterebbe anche di svolgere missioni più lunghe, dal momento che il reattore Zeus dovrebbe durare dai 10 ai 12 anni.

Se tutto va secondo i piani, la missione dovrebbe essere lanciata nel 2030 dalla base di Vostochny, nel sud-est della Siberia, a bordo del lanciatore Angara-A5V. Se sei appassionato dell’argomento, puoi sempre trovare anche la nostra scheda completa sulla possibilità di colonizzare un altro pianeta, e le difficoltà di un progetto del genere .

Di Redazione

Redazione di llow.it portale informativo ricco di guide e consigli pratici per cercare di risolvere ogni tipo di problema, ma anche per piccole curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *